Comunemente si considera questa esperienza emotiva, tanto spiacevole, come una prova da evitare. Si ritiene che quanto più si è liberi da paure, tanto più si è forti e in grado di affrontare gli ostacoli della vita.

Lo studio delle emozioni porta a capovolgere questa convinzione, mostrando come solo grazie alla paura è possibile affrontare in modo adeguato il pericolo. La paura è la nostra emozione più antica. Non è un aggressore esterno, ma un sofisticato regolatore interno che, davanti ad una situazione valutata come pericolosa per la nostra incolumità, allerta tutto il nostro corpo a reagire con l’attacco o con la fuga. Tale attivazione è caratterizzata da segni tipici quali: aumento del battito cardiaco, del ritmo respiratorio, della sudorazione, la bocca si secca, i muscoli si tendono, percepiamo tremori e vertigini.

Spesso siamo portati a pensare che il nostro problema sia la paura, in realtà essa rappresenta una risorsa fondamentale: ci segnala che siamo davanti ad un pericolo imminente, così che possiamo reagire per prevenire o limitare le conseguenze dannose per la nostra incolumità.

Alla luce di ciò, la nostra idea su come controllare la paura assume una connotazione diversa: non si tratta infatti di liberarsi dalle nostre paure, altrimenti ci troveremmo in balia del pericolo, che non sapremmo più prevedere e né farne fronte. Tuttavia l’ansia diviene un problema quando persiste nel recepire come pericolose situazioni che non lo sono, o anche quando non svanisce dopo che il pericolo è passato.
Questa valutazione distorta della realtà è del tutto “irrazionale” e si basa su pensieri automatici e inconsapevoli. Ma sono proprio quei pensieri che scatenano in noi le paure più disparate e apparentemente incomprensibili. La paura dei cani, dei ragni, della polvere, la paura di arrossire, di parlare in pubblico, degli spazi aperti o di quelli chiusi, la paura della paura, e molte altre, sono provocate da pensieri involontari che attivano la spirale dell’ansia, sfuggendo al nostro controllo cosciente e razionale.

Per superare l’ansia è necessario smascherare tali pensieri automatici, così da poterli circoscrivere e controllare, con conseguente riduzione della paura ad essi associata e aumento della stima di sé. Per riuscire in ciò occorre considerare la paura non come un ostacolo da evitare, ma accettarla come un alleato prezioso che ci accompagnerà sempre.

Facebook
Facebook
Google+
http://ottaviaferroni.com/2015/11/ansia-disagio-da-evitare-o-alleata-preziosa/">
Twitter